mercoledì 21 marzo 2012

Erica Mou - È

5 commenti
Le recensioni devono essere oneste, e in tutta sincerità quando ho sentito nominare Erica Mou ascoltando distrattamente il Festival di Sanremo mentre mi preparavo la cena ho pensato "Ma questa che cazzo di nome ha?".
Perché il problema è che se si è distratti, ogni diversione dal normale corso delle cose, dai volti, le forme e i suoni consueti, appare come strana e difficilmente si apprezza ciò che sfugge dall'abituale.
Ringrazio ancora il cielo di aver prestato una briciola in più di attenzione.
Il pezzo di Sanremo, Nella vasca da bagno del tempo, coraggiosamente presentato con un approccio ormai inconsueto (ovvero da seduta e con la chitarra in braccio) già si faceva notare per qualcosa di diverso. No, non diverso come certe pagliacciate viste in festival passati - mi sovvengono il Vaffanculo e la Bella Stronza di Masini, il piccione di Povia, senza scomodare troppo Marcella Bella con "Uomo Bastardo" scritto sul culo con le paillettes - ma diverso perché c'era qualcosa, qualche tono delicato che riusciva a trasmettere un messaggio, una sensazione.
Come? Trasmettere? A Sanremo? Ma scherziamo?
Il pezzo, lo ammetto, mi ha fatto posare il coltello sul tagliere per farsi ascoltare. Alla fine, rivedendo perfino la mia posizione su quel "Mou" che iniziava a suonarmi dolcemente provenzale, il pensiero è stato che forse non tutto era perduto, in questo festival. Insomma, che culo aver ascoltato Sanremo per l'unico quarto d'ora  piacevole, mi sono detto.
Poi la cena ha avuto la meglio - è ovvio, i tagliolini saltati in padella hanno sempre la meglio, specie su Sanremo - ho spento la tv e la settimana è trascorsa.
Il lunedì successivo scopro di non aver intuito male: Erica Mou ha vinto il premio della critica e quello della sala stampa. Gli unici significativi, tra l'altro.
Per me è Erica Mou che ha vinto Sanremo.
E scopro così che è un bel po' che scrive e suona, che si esibisce dal vivo come dovrebbe fare qualsiasi musicista degno di questo nome e che ha prodotto della musica bellissima.
Ascolto pezzi su YouTube, interviste, clip, e quel disco "È" che racchiude in un solo guscio colori, suoni e sapori conosciuti e amati, sopiti o anche appena accennati. Immagini consuete, a volte tanto da farmi pensare di essere stato osservato per tutta una vita.
Perché quando senti qualcuno e pensi con entusiasmo, che so, "Bello, sembra Fossati" e lì ti fermi, la maggior parte delle volte significa o che è un pezzo di Fossati che non conoscevi o che il tipo in questione fa un po' troppo il verso a Fossati. Erica Mou invece catalizza sfumature. Ci senti la prima Carmen Consoli e Meg, Enya, Mario Venuti, Teresa De Sio, gli Üstmamò e perfino Imogen Heap, i Quintorigo, Grace Slick e Newton Faulkner. Ma non si tratta di citazioni, di campionamenti stilistici; sono piuttosto il condimento di brani musicalmente originali affiancati a dei testi che non hanno paura della propria espressività singolare.
Erica Mou è musica nuova.
Il suo disco, ripubblicato con l'aggiunta di Nella vasca da bagno del tempo, è deliziosamente originale, piacevole; è intenso ma con garbo, e lei, perlomeno da quello che affiora dalle interviste, è così impagabilmente normale: una persona reale, che parla, scherza, ride, dialoga come se fosse al bar con un amico. Che bello: un'artista che non recita il ruolo; era un pezzo che non se ne vedeva uno.
Però, più che dirvi di comprare il disco (cosa che mi auguro farete non appena avrete sentito qualcosa in giro), spererei di potervi suggerire di andarla a sentire dal vivo. Cosa che farei volentieri di persona se solo sapessi che è in giro da qualche parte sulla costa toscana.
A nessuno fischiano le orecchie?

5 commenti :

marco melillo ha detto...

tra l'altro meno male hanno cambiato il titolo, sennò un "puppa!" non glielo levava nessuno :D

Ale- ha detto...

Cambiato il titolo? Ma dove? Sei briào?

marco melillo ha detto...

hai ragione, ho frainteso il tuo "ripubblicato con l'aggiunta di Nella vasca da bagno del tempo" e non ho controllato. quindi PUPPA!
bellina la recensione (funziona: ho aperto il tubo), orecchiabili i pezzi (anche se ripenso a guccini che parlava di sanremo e dell'obbligo di "aggancio cantabile"), ma dopo un po' a me ha fatto un po' cascare le palle (cinque pezzi sul tubo). per farla breve eh...
mi suona un po' troppo di già sentito, di meg e carmela.
ma soprattutto vorrei sapere in che pezzo t'è venuta a mente grace slick. (a me qui: http://youtu.be/1Vy1OoBAL-E)
poi pelamordelcielo, se la passano alla radio non è che giro.

Ale- ha detto...

In "Harem".
E anche in giro per il disco, a tratti, per esempio in "Oltre".
E la Potter me l'avevi già fatta sentire. Ci credo che sembra la Slick: è la cover di "White rabbit" e le fa l'imitazione spietata...
Poi ascolti "Medicine" e sembra Joss Stone.
Ricade perfettamente nella già descritta categoria di "quelli che fanno un po' troppo il verso a".

raffa ha detto...

Conoscete la bravissima Erica Mou, di ricente ha partecipato a Sanremo con ottimi risultati e adesso concorre ai TRL Awards, nella categoria New Generation :-) Qui si può votare (max 10 volte al giorno): http://trlawards.mtv.it/vota/

sosteniamo la bella musica!